Romania

Visitare Bucarest a capodanno

Che si fa a Capodanno? Questo è il quesito che tortura la maggior parte delle persone alla fine di ogni anno.

Che ne direste allora di un posto, non troppo lontano, pieno di neve e molto economico per festeggiare il passaggio al nuovo anno? Bucarest allora è la meta che fa per voi, molto fredda in questo periodo e con neve molto alta, che rende la capitale rumena ancora più misteriosa.

Su questo articolo vi racconterò la mia avventura di fine anno a Bucarest.

Palazzo del Parlamento

Palazzo del Parlamento

La prima tappa per iniziare a conoscere Bucarest è sicuramente il suo monumento più importante, il Palazzo del Parlamento, considerata la struttura più pesante del mondo e la seconda più grande per superficie. Infatti questa enorme costruzione bianca diventa parecchio suggestiva se circondata dalla neve. Purtroppo non sono riuscito a visitarlo all’interno ma vi assicuro che comunque, anche se visto solo da fuori, rende parecchio la sua idea di maestosità e grandezza.

In giro tra le strade imbiancate

Pasajul Macca-Vilacrosse
vetrata del Pasajul Macca-Vilacrosse

Se il freddo non vi fa paura, iniziate, come ho fatto io, ad esplorare Bucarest innevata. 

Numerose sono le chiese ortodosse che ho incrociato piuttosto che parchi o strade ricche di negozi e ristoranti. Tra queste mi ha colpito il Pasajul Macca-Vilacrosse, una strada a forma di forchetta coperta da un soffitto di vetro verde e giallo, al cui interno si possono trovare varie botteghe, pub o ristoranti.

Palazzo CEC
Ateneo rumeno

Museo di Scienze Naturali Grigore Antipa

Per gli amanti della natura come me, imperdibile è la visita a questo ricco Museo di Scienze Naturali Grigore Antipa.

Entrata principale del museo

Il museo, nato grazie al contributo del principe Alexandru Ghica, raccoglie numerosi reperti storici e animali impagliati provenienti da tutto il mondo, alcuni dei quali addirittura estinti.

Un viaggio nella storia evolutiva della specie animale e non solo che ho trovato molto interessante e curiosa.

Reperti di alcune civiltà
Animali asiatici impagliati

La vecchia Chiesa Stavropoleos

Chiesa Stavropoleos

Tra le tante, la chiesa ortodossa che maggiormente mi ha colpito a Bucarest è indubbiamente la Chiea Stavropoleos.

Eretta nel 1724 la chiesa è un grande esempio di architettura rumena; gli interni sono ricchi di affreschi dell’epoca e iconografie su fondi dorati. Interessante è il chiostro con numerose lapidi di sacerdoti e personaggi importanti che rendono l’ambiente a tratti macabro.

Porta principale della chiesa

Cattedrale dei Santi Costantino ed Elena

Meta immancabile è la grande Cattedrale di Bucarest dedicata ai Santi Costantino ed Elena.

Cattedrale dei Santi Costantino ed Elena

La Cattedrale è la sede uficiale del patriarca di tutta la Romania. Se l’esterno è molto semplice e spoglio, gli interni sono decorati da numerosi affreschi religiosi, opera del pittore Dimitrie Belizarie.

Sarebbe molto interessante visitarla durante una funzione religiosa per assistere ai riti dei sacerdoti e dei fedeli ortodossi.

Palatul Patriarhiei e Cattedrale
Affresco nella Cattedrale

Gite in un giorno: Bran e Sinaia

Se avete ancora qualche giorno da passare in Romania , potete approfittare di un paio di gite da fare tranquillamente in giornata, muovendovi con bus o treni da Bucarest.

Due attrazioni da non perdere appena fuori la capitale sono il Castello di Peleș a Sinaia e il Castello di Bran.

Il Castello di Peleș si trova a Sinaia, un piccolo paese a circa 140 km da Bucarest. Voluto dal re Carlo I di Romania, questo castello che appare più come un palazzo, ne fu la residenza, visto il bellissimo paesaggio verdeggiante in cui si ubica.

Castello di Peleș
Sala interna del castello
Armature medievali all'interno del castello

Divenne il primo castello al mondo completamente alimentato da energia elettrica prodotta localmente.

Costruito in stile neorinascimentale tedesco, i suoi interni sono ricchi di armature medievali, statue, dipinti, porcellane, vetri colorati, arazzi e tappeti, provenienti da ogni parte del mondo.

Cortile interno del castello
Fontana nel giardino

Leggermente più distante da Bucarest si trova il Castello di Bran, un villaggio vicino Brașov, situato sul confine tra la Transilvania e la Valacchia.

Castello di Bran
Vista dalla corte
Lapide all'entrata del castello

Circondati dai Carpazi, questo castello è uno dei più suggestivi e misteriosi al mondo, non soltanto per la locazione ma soprattutto perché fu dimora temporanea di Vlad l’Impalatore, conosciuto da tutti come Conte Dracula. Infatti il castello (da non confondere con il vero castello di Dracula, ormai distrutto) ha ispirato lo scrittore Bram Stoker per la scrittura del suo libro “Dracula“.

Ritratto di Vlad l’Impalatore
Cortile interno

Spesso sottovalutato, questo paese bellissimo e misterioso potrà essere anche la vostra meta perfetta per un alternativo fine anno.

Seguimi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Facebook
Pinterest
Instagram